Belfast, recensione del film diretto da Kenneth Branagh

Belfast, recensione del film diretto da Kenneth Branagh.

Nel 1969 Buddy ha 9 anni e abita con la sua famiglia in un quartiere popolare di Belfast. La vita pare scorrere nella più completa tranquillità mentre i primi scontri fra cattolici e protestanti danno il via a una lotta senza quartiere che nella mente di un bambino viene esorcizzata dal cinema e dal solido rapporto con i nonni paterni.

Belfast, recensione del film diretto da Kenneth Branagh.
  • Save
Un film intenso,che riesce a toccare le corde dell’anima.

La Belfast ricordata da Kenneth Branagh non è di certo quella dei Troubles narrati da un punto di vista storico, anche se il ferragosto del 1969 è data tristemente nota per l’inizio della lotta fra protestanti e cattolici, ma è bensì quella vista attraverso gli occhi di un alter ego di appena 9 anni, lo splendido Jude Hill, esattamente quelli che il regista aveva all’epoca dei primi tumulti nella sua città natale.

Belfast sono anche gli occhi sognanti di Buddy, un bambino che in quelle poche strade limitrofe a casa cerca il modo di prolungare la sua infanzia nonostante gli eventi che si stavano abbattendo sulla sua famiglia, alla perenne ricerca di nuove risorse economiche, ai pericoli della guerra civile misti alla vita di scuola, le ricerche e i primi amori, le festività trascorse in famiglia e tutte le consuetudini che caratterizzano  l’infanzia a ogni angolo del mondo.

Belfast è al tempo stesso qualche cosa che ha a che fare con il cinema d’oltreoceano. Quel cinema ingurgitato in maniera massiccia dal piccolo Buddy e da suo fratello maggiore. Sia attraverso gli schermi della TV in bianco e nero o al vicino cinema ove la famiglia tende a riunirsi per ogni occasione e a viaggiare con l’immaginazione.

La Belfast in bianco e nero che ammiriamo è la storia di una famiglia come tante della working class ma anche unita più di tante altre. Un inno prepotente alla propria terra natale. Una terra di gente abituata a emigrare, combattere per i propri valori, a sopportare e talvolta perdere. Ma soprattutto Belfast è un film che ha meritatamente vinto l’Oscar come miglior sceneggiatura e che crediamo valga la pena di essere apprezzato.

Belfast (Id.) Gran Bretagna 2021 Regia di: Kenneth Branagh. Genere: Drammatico Durata: 100′. Cast: Caitriona Balfe, Judi Dench, Jamie Dornan, Ciarán Hinds, Colin Morgan, Jude Hill, Michael Maloney, Lara McDonnell, Gerard Horan, Conor MacNeill, Gerard McCarthy, Olive Tennant. Fotografia: Haris Zambarloukos. Musiche: Van Morrison. Sceneggiatura: Kenneth Branagh.

Belfast, recensione del film diretto da Kenneth Branagh.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link