Appunti di un venditore di donne, di Fabio Resinaro

Appunti di un venditore di donne, recensione del film di Fabio Resinaro dal romanzo omonimo di Giorgio Faletti.

Milano, 1978. Una sera all’uscita dell’Ascot, un locale del centro storico, Bravo, un protettore di prostituite che si occupa di trovare la donna giusta per clienti facoltosi, e il suo amico Daytona scommettono riguardo una ragazza intravista per strada e che Daytona vorrebbe conoscere. Bravo avvicina la ragazza con una banale scusa e organizza per l’amico una serata memorabile, da quel momento però la sua vita cambierà definitivamente.

Appunti di un venditore di donne, recensione film.
  • Save

Uno dei Best Seller di Giorgio Faletti, probabilmente il romanzo più complesso in termini di trama, diventa nelle mani del quarantenne Fabio Resinaro, alla sua prima prova in solitaria senza l’appoggio del suo omonimo, un thriller con implicazioni di cronaca che vanno a intrecciarsi con la vita di Bravo, il romano Mario Sgueglia che rapidamente dalle serie TV riesce a passare a un prodotto complesso e contorto scritto e interpretato per il piccolo schermo.

La Milano degli anni di piombo è lo sfondo dell’adattamento cinematografico del romanzo più complesso di Giorgio Faletti.

Sgueglia purtroppo pecca in termini recitativi. Non riuscendo a fornire al protettore che risiede alla periferia del capoluogo lombardo e dotato di una particolare peculiarità fisica, quella profondità e risolutezza che al contrario trasparivano dalle descrizioni minuziose dello scrittore astigiano.

Al fianco di Bravo, bilanciandone la performance, evoluiscono buoni comprimari. Miriam Dalmazio, nel ruolo di Carla, merce di scambio per una scommessa tra lo stesso Bravo e Paolo Rossi, qui nella parte di Daytona, appassionato di auto e adepto del gioco d’azzardo. Francesco Montanari, barman non vedente e inventore di sciarade, fino ad arrivare a Michele Placido e Libero De Rienzo, in una delle sue ultime prove, che aggiungono alla trama due figure, rispettivamente un politico e un poliziotto, corrotte e ben caratterizzate.

Quel che riuscì a Faletti nel romanzo, restituendoci ambienti e ricordi di una giovinezza passata fra i locali di Milano, non riesce alla pellicola. Nonostante ricostruzioni d’ambiente molto fedeli, ma che a conti fatti passano in secondo piano causa un impalcatura che porta il film a sembrare un salto nel tempo a ritroso. Con attori che fingono di trovarsi sul finire degli anni di piombo ma che recitano come fossero al giorno d’oggi. Forse non si poteva fare e sperare di meglio ma speriamo che in futuro le rimanenti opere di Faletti possano avere una sorte cinematografica migliore.

Appunti di un venditore di donne (Id.) Italia 2021 Regia di: Fabio Resinaro. Genere: Drammatico, Thriller Durata: 105′. Cast: Mario Sgueglia, Paolo Rossi, Francesco Montanari, Antonio Gerardi, Michele Placido, Libero De Rienzo, Gualtiero Burzi, Miriam Dalmazio. Fotografia: Paolo Bellan. Musiche: Fabio D’Amico. Sceneggiatura: Fabio Resinaro.

Appunti di un venditore di donne, recensione del film di Fabio Resinaro dal romanzo omonimo di Giorgio Faletti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link