Genitori quasi perfetti, recensione del film di Laura Chiossone

Genitori quasi perfetti, recensione del film di Laura Chiossone.

Simona è una quarantenne che a fatica gestisce la sua vita professionale, da veterinaria, e privata, come madre single di Filippo, un bambino di otto anni. In occasione del compleanno del figlio Simona ha organizzato una festa in ogni minimo dettaglio invitando i compagni di classe e i rispettivi genitori; ma mentre i bambini giocano in completa tranquillità, i rancori e le differenti personalità degli adulti vengono velocemente a galla.

Genitori quasi perfetti, recensione del film di Laura Chiossone.
  • Save

Se avete visto Carnage è probabile che vi ritroviate le medesime atmosfere ma ancora più cupe e inquiete. L’apparenza borghese con la quale i differenti caratteri, solo inizialmente amichevoli, si avvicinano è direttamente proporzionale alla velocità con la quale entrano in contatto implodendo.

Una commedia sull’ipocrisia e la fragilità dei rapporti umani!

Se nella pellicola diretta da Roman Polański la causa scatenante del litigio fra adulti era uno screzio fra adolescenti, in tal caso non c’è traccia di alcun litigio. I bambini giocano placidamente in salotto mentre gli adulti, ognuno con il proprio background e le proprie storie di adattamento alla vita, vengono nell’arco di una serata letteralmente alle mani per screzi mai veramente risolti.

All’interno dell’abitazione di Simona, visto come alla stregua di un palcoscenico, si possono incontrare differenti generi umani. La pellicola, di fatto, è l’adattamento dello spettacolo teatrale Palloncini di Coletti e Scotti. Dai genitori affascinati dallo stile di vita New age, al padre disoccupato che sceglie di fare le veci della moglie e madre. Dal padre da poco diviso e con la totale abnegazione al lavoro, fino alla coppia di ragazze che ha deciso di avere un figlio grazie alla fecondazione assistita.

Nel mezzo a tutte queste incomprensioni che si vengono a creare la vita dei figli è quasi del tutto ignorata a beneficio di quella degli adulti. Ma solo fino a un cambio di registro che sarà fissato dal festeggiato (Filippo) che spariglierà le carte in tavola. Nessuno fra gli interpreti eccelle rispetto agli altri, ma tutti assieme riescono perfettamente a portare la pellicola verso un finale che è ben più di un semplice sguardo di speranza verso il futuro.

Genitori quasi perfetti (Id.) Italia 2019 Regia di: Laura Chiossone. Genere: Commedia, Drammatico Durata: 86′. Cast: Anna Foglietta, Paolo Calabresi, Francesco Turbanti, Lucia Mascino, Marina Rocco, Elena Radonicich, Erika Blanc, Paolo Mazzarelli, Roberta Mengozzi. Fotografia: Manfredo Archinto. Musiche: Michele Braga. Sceneggiatura: Laura Nucilli, Renata Ciaravino.

Genitori quasi perfetti, recensione del film di Laura Chiossone.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link