Recensione film “Una voce nella notte”

Gabriel Noone, romanziere e conduttore di una trasmissione radiofonica notturna, è stato da poco abbandonato dal suo compagno Jess. Inoltre è ormai vittima di un blocco dello scrittore che non accenna a interrompersi. Per distrarlo il suo agente gli fa leggere il manoscritto di Peter Logand.
Recensione film “Una voce nella notte”.

Un giovane quindicenne molto malato che vive assieme a Donna, la sua tutrice, e che ha scritto un’autobiografia nella quale descrive gli abusi subiti dai genitori. Peter e Gabriel iniziano quindi a parlare al telefono. Creando un rapporto che porta l’uomo a giudicare il ragazzo come quel figlio che non ha mai avuto. Tutto però inizia a precipitare quando Jess insinua in Gabriel il dubbio che la voce di Donna e quella di Peter siano identiche.

Robin Williams in una scena del film
  • Save

Nella prima metà degli anni ottanta Robin Williams diede vita a un personaggio che molte volte gli abbiamo visto portare in scena. Questa volta non si tratta però di uno speaker radio sopra le righe o un docente pieno d’ideali. Ma uno scrittore omosessuale arrivato a un bivio dal quale non può sottrarsi. Un uomo solo, tormentato dai propri pensieri e dai fantasmi frutto di una vita che sembra essergli sfuggita di mano. A fargli da contraltare la non vedente Toni Colette.
Nuovamente nel ruolo di una madre apprensiva, in tal caso non vedente, e molto problematica. Mentre sullo sfondo si creano le medesime atmosfere invernali e drammatiche di un romanzo poliziesco che lascia lo spettatore dubbioso di fronte all’esistenza o meno del giovane Peter, impersonato dal fratello minore di Macaulay Culkin.

Basato sul romanzo autobiografico di Armistead Maupin che veramente s’intrattenne telefonicamente con un suo giovane fan, la pellicola diretta dal semi sconosciuto Patrick Stettner riesce a reggersi sia su una trama che rasenta il thriller psicologico, o come lo ha definito lo stesso Maupin: ‘un Thriller del Cuore’, sia sulle solide interpretazioni teatrali e sofferte di Williams e della Colette che con pochi accorgimenti hanno saputo inchiodare lo spettatore allo schermo.

Una voce nella Notte (The night Listener) USA: 2006 Regia di: Patrick Stettner Genere: Drammatico, Durata: 91′, Cast: Robin Williams, Bobby Cannavale, Toni Colette, Rory Caulkin, Sandra Oh, Joe Morton, John Cullum. Musiche: Peter Nashel, Scenografia: Michael Shaw, Montaggio: Andy Keir, Distribuzione: Warner.

La recensione del film Una voce nella notte, diretto da Patrick Stettner!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link