Vita da Carlo, recensione della serie TV con Carlo Verdone

Vita da Carlo, recensione della serie TV con Carlo Verdone disponibile su Amazon Prime Video.

Il segreto del suo successo.

La vita del Verdone di oggi vivisezionata passo passo per 30 minuti a episodio. Con incursioni continue e indesiderate nella vita privata di uno dei personaggi più iconici del cinema di casa nostra. Creatore di battute ormai trasformatesi in meme buone per i social, ipocondriaco ai limiti del parossismo e medico mancato che prescrive farmaci a chiunque incontri. Accolto da un’abitazione grande e spaziosa, ma incapace di proteggerlo perché invasa da un ex fidanzato della figlia e da una proposta mai del tutto rifiutata di candidarsi a sindaco della capitale perché follemente innamorato della sua città.

Vita da Carlo, recensione della serie TV con Carlo Verdone
  • Save

Una serie che nella sua lentezza e indolenza tipicamente ‘Verdoniana’ ci restituisce la normalità di uno dei più abili affabulatori del nostro cinema. Sicuramente fra gli ultimi capaci d’intercettare le vite e le passioni delle persone e portarle sul grande schermo. Ideata nel periodo pre lockdown e tornata prepotentemente a galla causa pandemia. Vita da Carlo, e non di Carlo, perché, come dice lo stesso Verdone: “vorrei far capire alle persone cosa si prova a essere sicuramente un regista amato ma anche privato della propria tranquillità quotidiana”.

La serie è stata scritta a sei mani dallo stesso Verdone, da Menotti, pseudonimo del fumettista e sceneggiatore Roberto Marchionni, e da Nicola Guaglianone, entrambi autori di Lo chiamavano Jeeg Robot. Diretta a quattro mani, di cui solo tre episodi diretti dallo stesso Verdone e i rimanenti sette dal direttore della fotografia Arnaldo Catinari. Cantinari per l’occasione ha sfruttato accorgimenti degni delle serie tv di matrice americana. Con meno primi piani e contro piani e un uso massiccio della steadycam.

Un serie divertente, che grazie a un cast in palla, centra l’obbiettivo.

Alla fine il prodotto è godibile, grazie anche a un casting particolarmente riuscito con una menzione particolare per Max Tortora nel ruolo dell’amico da incontrare appena si vuole andare allo stadio o più semplicemente per fare quattro chiacchiere. Le battute sono riuscite e che anche se più edulcorate arrivano comunque copiose. Non è difficile cogliere una vena di agrodolce denuncia per le mille pratiche che i Vip adottano nel corso della loro vita. Dai ritiri nei monasteri, fino al desiderio di fare altro, che nel caso di Verdone si trasforma nell’incubo elettorale.

Il tutto avvolto nella confezione di un prodotto che impedisce di capire dove finisca la finzione e dove inizi la semplice citazione di un fatto realmente accaduto. Di certo c’è però la genialità di una serie venduta anche all’estero e che sta riscontrando un eccellente successo in primis di tutto fra le nostre mura domestiche.

Titolo Originale: id. Ideatore: Carlo Verdone, Nicola Guaglianone, Menotti Regia: Carlo Verdone, Arnaldo Catinari Sceneggiatura: Carlo Verdone, Nicola Guaglianone, Menotti, Pasquale Plastino, Ciro Zecca, Luca Mastrogiovanni Fotografia: Arnaldo Catinari. Montaggio: Giorgio Conti, Pietro Morana, Gabriele Passaretti. Nazione: Italia Anno: 2021 Genere: commedia Durata: 10 episodi dalla durata di 30 minuti l’uno. Cast: Carlo Verdone, Max Tortora, Monica Guerritore, Anita Caprioli, Filippo Contri, Antonio Bannò, Caterina De Angelis, Stefano Ambrogi, Andrea Pennacchi, Alessandro Haber, Maria Paiato, Claudia Potenza, Giada Benedetti. Distribuzione: Amazon Prime Video. Uscita: 5 novembre 2021

Vita da Carlo, recensione della serie TV con Carlo Verdone.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link