Ostaggi, recensione del film diretto da Eleonora Ivone

Ostaggi, recensione del film diretto da Eleonora Ivone.

Un mattino un imprenditore sull’orlo di un fallimento decide di rapinare il portavalori di una banca. Immediatamente scoperto si rifugia in una panetteria prendendo in ostaggio i presenti: Il fornaio, un’anziana cliente, un extracomunitario e una prostituta. All’esterno una psicologa inizia a negoziare la liberazione degli ostaggi mentre un ispettore dal grilletto facile vorrebbe fare irruzione senza perdere tempo.

Prendendo spunto dall’omonima pièce teatrale di Angelo Longoni l’attrice e regista Eleonora Ivone, presente nel ruolo della negoziatrice comprensiva che fa da contraltare a un Alessandro Haber dal grilletto molto facile e ai limiti del surreale, riesce a trarre linfa vitale dai classici di matrice americana pieni di ostaggi e negoziatori. Primo fra tutti Quel Pomeriggio di Un Giorno da Cani con Al Pacino e diretto da Sidney Lumet.

Ostaggi, recensione del film diretto da Eleonora Iavone
  • Save

Una Black Comedy che fa riflettere e sorridere amaramente.

Il film della Ivone si sofferma solo in parte sulla vicenda di cronaca e anzi la impiega per raccontare cosa significhi essere prima di tutto prigionieri di scadenze, di obblighi più grandi di ciascuno di noi e di destini che nessuno dei presenti all’interno del negozio ha scelto per sé.

Le figure femminili, con a capo la Vanessa Incontrada, nel ruolo di una squillo d’alto bordo per necessità, ma anche ex infermiera precaria, la stessa negoziatrice e la signora Regina, Elena Cotta, escono a testa alta dallo scontro recitativo con l’altra metà del cielo a iniziare da Gianmarco Tognazzi, nella parte del rapinatore per disperazione, a Jonis Bascir in quella di un clandestino, per concludersi con Francesco Pannofino, nel ruolo di un fornaio pieno di stereotipi razzisti.

Alla fine si sorride amaramente per una Black Comedy che nelle intenzioni di Longoni avrebbe dovuto essere fonte di una discussione sociale data dalla presenza di tanti caratteri diversi e obbligati a dover essere gli uni al fianco degli altri. Obiettivo centrato solo in parte per quanto il film, opera prima della regista, scorra velocemente verso un epilogo abbastanza prevedibile.

Ostaggi (Id.) Italia 2021 Regia di: Eleonora Iavone. Genere: Drammatico, Commedia Durata: 100′. Cast: Gianmarco Tognazzi, Cesare Bocci, Francesco Pannofino, Vanessa Incontrada, Alessandro Haber, Jonis Bascir, Eleonora Ivone, Elena Cotta. Fotografia: Newton Thomas Sigel. Musiche: Niccolò Agliardi. Sceneggiatura: Angelo Longoni, Eleonora Iavone.

Ostaggi, recensione del film diretto da Eleonora Ivone.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link