Radiofreccia, recensione del film di Luciano Ligabue

Radiofreccia, recensione del film di Luciano Ligabue.

In una notte di fine giugno dei primi anni ‘90 Bruno Iori sta mandando in onda l’ultima trasmissione di Radio Freccia. Emittente radiofonica di Correggio che quella sera, poco prima di compiere la maggiore età, chiuderà definitivamente i battenti. Per spiegare agli ascoltatori cos’abbia rappresentato la radio per chi come lui era maggiorenne a metà degli anni ’70, Bruno inizia a ripercorrere la sua storia e quella di chi assieme a lui ha dato vita a una radio libera nel cuore dell’Emilia.

Radiofreccia, recensione del film di Luciano Ligabue

Cos’abbia spinto Luciano Ligabue, rocker di Correggio e, da settembre 1998, anche regista di buon successo a portare sul grande schermo le sue narrazioni, i suoi personaggi, prima cantati e poi terminati su carta, con la raccolta Fuori e dentro il borgo, è la probabile necessità di donare una sembianza fisica a tanti protagonisti fino a quel momento solamente immaginati dai suoi fans. Oltre all’inevitabile desiderio di ripercorrere, attraverso Bruno, Bonanza, Freccia, Iena, Pluto e Kingo, fan sfegatato di Elvis, rocker per passione e metalmeccanico per necessità, la propria giovinezza. Con le prime radio libere e le serate passate fra il bar e a piazzare dischi sul ‘piatto’ nel tentativo (reale) di imitare il più quotato ‘Vasco Rossi di Punto Radio’.

Il primo sforzo cinematografico del Liga non tradisce minimamente e colpisce nel segno!

Il primo sforzo cinematografico del Liga non tradisce minimamente il desiderio di piazzare molta carne sul fuoco cucinandola, anzi mixandola, in maniera anche schizofrenica. La trama saccheggia sapientemente da una serie di personaggi il cui humus è quello della provincia emiliana che a metà dei ’70 forniva poco di più di un bar, un gruppo di amicizie granitiche, i problemi della vita adulta e quelli della droga, declinata nella maniera più feroce possibile, mischiando il tutto in una sceneggiatura a quattro mani con Antonio Leotti, e avvalendosi di attori all’epoca ancora poco più che emergenti, basti pensare a Stefano Accorsi, che anche grazie al ruolo di Freccia ha poi saputo costruirsi una carriera internazionale, Ligabue riesce a strappare ben più di un semplice sorriso a chi quegli anni li ha vissuti anche se ad altre latitudini.

C’è molta passione da parte di chi la settima arte l’ha fruita copiosamente, con una citazione fin troppo palese e non certo nascosta per Federico Fellini. Omaggiato dalle scritte che appaiono a mezz’aria e che introducono i vari capitoli del film; ma c’è anche altrettanto Stefano Benni con i suoi stereotipi umani da Bar Sport. Nonostante queste due licenze la trama funziona. La colonna sonora è di grande livello e i riconoscimenti che arrivarono copiosi, fra cui Nastri d’argento e David di Donatello, furono tutti quanti meritati.

Radiofreccia (Id.) Italia 1998 Regia di: Luciano Ligabue. Genere: Commedia Durata: 110′. Cast: Stefano Accorsi, Luciano Federico, Serena Grandi, Enrico Salimbeni, Roberto Zibetti, Alessio Modica, Francesco Guccini, Cristina Moglia. Fotografia: Arnaldo Catinari. Musiche: Luciano Ligabue. Sceneggiatura: Luciano Ligabue, Antonio Leotti.

Radiofreccia, recensione del film di Luciano Ligabue.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy link