Recensione dvd “600 miglia” di Gabriel Ripstein

Arnulfo (Kristian Ferrer) è un ragazzo coinvolto in un gioco pericoloso, che lo spinge a fare la spola in auto tra il Messico e gli Stati Uniti, con a bordo un carico che scotta. Ci vorrà un agente  federale americano di nome Hank Harris (Tim Roth) a fermarlo. O forse, al contrario, sarà quello che lo farà definitivamente uscire di strada. Recensione dvd “600 miglia” di Gabriel Ripstein.

Una storia un po’ così, iniziata tra l’incertezza giovanile, imbocca, improvvisamente, il tunnel di un Road Movie tinto da Noir. Il racconto diventa allora incline alla nostalgia e alla poesia del tempo perduto, mentre davanti agli occhi scorre il buio di una terra prigioniera del male. Il quale si addensa proprio nella zona di frontiera, in quel regno di misteriosi signori, in quel teatro di inquietanti trasformazioni.

Cover dvd 600 miglia
  • Save

Il baby delinquente e il poliziotto si scoprono amici, complici, soggetti alla stessa tristezza, all’identica condanna a morte. L’evoluzione è umanamente naturale, narrativamente scontata. Eppure si ribella alla noia, abbandonandosi alla languidezza in cui defluiscono i momenti di tensione, quando il mondo sembra troppo stanco per reggere il ritmo. Il fiato sospeso si affievolisce, sfumando in un sussurro. La titubanza degli esordi prosegue morbidamente nella timida tranquillità della chiacchiera serale, quando il giorno è maturo per la riflessione, e non rimane che essere sinceri, sia pure a malincuore.

Questo film asseconda con grazia la pacifica amarezza che precede la tempesta. Scandendo gli istanti con la prudenza di chi tasta il terreno. Per capire quanto possa essere rischioso aprire la propria anima a chi sta dall’altra parte della barricata. Il dialogo è tutto, è l’arma di chi osa sottrarsi alle logiche della situazione usando la parola per far luce nel fitto della giungla. Questo racconto fa breccia come può nell’oscurità di una realtà mediocre e cattiva, che si direbbe impossibile da sradicare. Ne scalfisce appena la superficie,  mentre è già invaso dal senso della sconfitta, benché deciso ad andare comunque fino in fondo.

La trama insegue, con la giusta lentezza, le estreme conseguenze: si dirige senza fretta verso un epilogo da vicolo cieco, che farà saltare ogni possibilità di sentenza morale. I legami tentati si scioglieranno, nessuno si salverà veramente. Tutto finirà nella vanità delle speranze deluse, degli errori a cui non si può porre rimedio. E la fuga continuerà, come sempre,  nel silenzio generale, senza dire nulla di nuovo. Da non perdere!

Recensione dvd “600 miglia” di Gabriel Ripstein.
Il film distribuito da Eagle Pictures e Blue Swan Entertainment, viene presentato nel formato cinematografico di 1:85:1 anamorfico. La confezione presa in esame è una semplice Amaray dalla accattivante cover. Il lavoro svolto in fase di Encoding è notevole se pensiamo al tipo di supporto, infatti il dvd gode di un quadro video definito e luminoso. Le immagini risultano sempre limpide e ricche di tanti dettagli. I colori fedeli, compatti e estremamente realistici. Le riprese con scarsa luminosità risultano buone, senza mai avere cedimenti. Naturali gli incarnati.

Comparto audio classico. Troviamo due tracce in Dolby Digital 5.1. per la lingua originale e l’italiano. Analizzando la pista sonora nostrana constatiamo una buona dinamicità e una sufficiente ricchezza di dettagli in linea con il tipo di codifica. Campo sonoro sempre pulito che ci regala dialoghi chiari e buoni effetti di ambienza. Subwoofer che interviene con parsimonia.

Peccato per l’assenza di extra.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link