Recensione film “24 Hour Party People”

La recensione del film “24 Hour Party People” di Michael Winterbottom.

Manchester, metà degli anni ‘70. Tony Wilson, presentatore televisivo e appassionato di musica, s’imbatte in un gruppo di giovani Punk che si esibiscono sotto il nome di Sex Pistols. In quel preciso istante decide di usare i propri risparmi per aprire un locale dove fare esibire sia Johnny Rotten e compagni che altri gruppi emergenti e successivamente per creare una propria etichetta discografica che possa produrre nuove promesse.

Giudicata, assieme a Velevet Goldmine e Almost Famous, fra le migliori pellicole in grado di descrivere l’ascesa della musica Inglese dalla metà dei ’70. Il tutto attraverso le narrazioni fuori campo di Steve Coogan, nel ruolo di un celebre anchorman della TV d’oltre manica. Fondatore di una label indipendente che seppe dare benzina al movimento costituito da gruppi del calibro di Joy Division, Clash e Buzzcocks. Coogan si muove fra discorsi diretti a uso del pubblico in sala, osservando e parlando in camera, e aneddoti ammantati di leggenda. Che paiono inventati a uso e consumo di stuoli di fans. Mentre la pellicola racconta come fosse intriso di novità il periodo d’oro della musica punk rock e di come proprio gli aneddoti siano spesso stati frutto di semplici leggende mai confermate.

Shirley Henderson, Lennie James e Steve Coogan in una scena del film
  • Save
Pellicola godibile e per veri maniaci della New Wave della terra d’Albione e degli indimenticabili 70ies.

Il regista Michael Winterbottom, in grado di passare da una pellicola d’azione a una musicale, gira il film sia in pellicola sia in digitale. Con il desiderio nemmeno troppo nascosto di farlo apparire come una testimonianza uscita direttamente dalla Manchester di quel periodo. Fornendo al comico Steve Coogan il ruolo di Tony Wilson e esigendo da lui il massimo impegno, non facendolo adagiare sulle pieghe di una narrazione in grado di catturare l’anima degli appassionati, intenti a scoprire chi si cela dietro alle comparse della pellicola. Lo stesso Wilson appare nel ruolo di un regista tv.

24 Hour Party People (id.) Francia, Olanda, Regno Unito 2002 Regia di: Michael Winterbottom Genere: Commedia, Biografico Durata: 115′ Cast: Steve Coogan, Lennie James, Shirley Henderson, Paddy Considine, Andy Serkis, Sen Harris, John Simm, Ralf Little.

La recensione del film “24 Hour Party People” di Michael Winterbottom.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link