Un piccolo favore, recensione del film diretto da Paul Faig

Un piccolo favore, recensione del film diretto da Paul Faig.

Stephanie è una madre vedova e curatrice di un blog di successo. Emily una donna in carriera, madre di un compagno di giochi del figlio di Stephanie, e sposata con Sean, ex scrittore diventato docente di letteratura. Le due donne si conoscono e diventano amiche e tutto sembra procedere normalmente fino a quando Emily non domanda a Stephanie di accudire suo figlio per un pomeriggio. Improvvisamente quello che sembrava un compito innocuo si trasforma per Stephanie e Sean in una caccia a una persona scomparsa senza apparenti spiegazioni.

Un piccolo favore, recensione del film diretto da Paul Faig.
  • Save

Liberamente ispirato al romanzo di Darcey Bell, il film firmato da Paul Faig funziona solo a metà. Viziato sia dall’evidente similitudine con Diabolique, film di metà anni ’90 citato nel corso della pellicola e ancora di più simile al molto meno noto Un bacio prima di morire, che vantava fra i protagonisti i giovani Matt Dillon e San Young, sia a causa del genere nel quale collocarlo.

Liberamente ispirato al romanzo di Darcey Bell, il film di Paul Faig funziona solo a metà.

Blake Lively impersona il ruolo della donna sposata ed enigmatica, dal passato molto incerto e dal presente ancora più ambiguo. Vestendo nuovamente i panni di un personaggio dell’alta borghesia a oltre sei anni dall’essersi liberata delle Jimmy Choo di Serena Van Der Woodsen, protagonista del Teen – Drama Gossip Girl. Al suo fianco Anna Kendrick, nel ruolo di una vedova in cerca di nuove amicizie e di rendere sempre più famoso il suo blog per casalinghe. Che aggiunge al personaggio sopra le righe dell’amica una parte decisamente irreale in termini di sciattezza comportamentale.

A unire le due facce di una medaglia così mal assortita un’improvvisa e inattesa amicizia che vira rapidamente in direzione drammatica. Finendo per perdersi nei meandri di una comicità fuori luogo e macchiettistica. Premesse quindi disattese a causa di una trama che funziona solo fra pochi alti e troppi bassi e che non viene minimamente supportata dalle capacità recitative delle protagoniste.

Un piccolo favore (A simple favor.) USA 2018 Regia di: Paul Faig. Genere: Drammatico, Thriller Durata: 130′. Cast: Anna Kendrick, Blake Lively, Ian Ho, Joshua Satine, Kelly McCormack, Eric Johnson, Jean Smart, Glenda Braganza, Sarah Baker, Gia Sandhu, Henry Golding, Andrew Rannells, Cyndy Day, Melody Johnson. Fotografia: John Schwartzman. Musiche: Theodore Shapiro. Sceneggiatura: Jessica Sharzer.

Un piccolo favore, recensione del film diretto da Paul Faig.

Valutazione finale: 5/10

Share via
Copy link